Giro d’Italia (2.UWT), Stage 12: prima vittoria in carriera per Stefano Oldani

Oldani

Stefano Oldani (@LaPresse)

Stefano Oldani vince la sua prima corsa tra i professionisti sull’arrivo di Genova dopo 141 km di fuga, Nulla da fare per Lorenzo Rota e Gijs Leemreize

Oldani
Tutta l’emozione di Stefano Oldani

Dopo la vittoria di ieri di Alberto Dainese nella città del tricolore, Reggio Emilia, arriva il bis azzurro firmato da Stefano Oldani (Alpecin – Fenix) che sull’arrivo di Genova batte, in una volata ristretta, l’altro azzurro Lorenzo Rota (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux) e l’olandese Gijs Leemreize (Team Jumbo – Visma), dopo ben 141 km di fuga.

Percorso perfetto per azioni da lontano e sin dal via ufficiale di Parma si susseguono gli attacchi fino a quando prende il largo un gruppetto formato da Wilco Kelderman (BORA – hansgrohe), Lucas Hamilton e Matteo Sobrero (Team BikeExchange – Jayco), Bauke Mollema (Trek – Segafredo), Santiago Buitrago e Jasha Sütterlin (Bahrain – Victorious), Rein Taaramäe, Gijs Leemreize e , Pascal Eenkhoorn, Rota, Vincenzo Albanese (EOLO – Kometa Cycling Team), Oldani, Mathieu van der Poel e Oscar Riesebeek, William Barta (Movistar Team), Valerio Conti (Astana Qazaqstan Team), Andrea Vendrame (AG2R Citroën Team), Magnus Cort (EF Education – Easy Post), Simone Consonni (Cofidis), Davide Ballerini (Quick – Step Alpha Vynil Team), , Nico Denz (Team DSM), Michael Schwarzmann (Lotto Soudal), Davide Gabburo Luca Covili (Bardiani CSF – Faizanè) e Edoardo Zardini (Drone Hopper – Androni Sidermec).

Un bel drappello di gente vincente e proprio per questo dal gruppo nessun team si mette in testa a rincorrere seriamente per via di un finale di tappa che taglierà fuori, ad alti ritmi, le ruote veloci protagoniste nelle ultime tappe; a 55 km dall’arrivo a muoversi è Rota che rompe il l’accordo in testa alla corsa e sgretola letteralmente il gruppo con il Van der Poel, sempre molto generoso, che deve alzare bandiera bianca.

In testa restano Oldani, Leemreize e Rota che mantengono un buon vantaggio sul gruppetto degli inseguitori che non sarà capace e chiudere il gap che li divide dalla testa della corsa; si arriva all’interno dell’ultimo chilometro con Rota che resta a ruota dell’olandese del Team Jumbo – Visma che è il pirmo a muoversi ma lo spunto più veloce è quello di Oldani che mette a segno la prima importantissima vittoria della sua carriera.

Kelderman chiude la frazione in sesta posizione ma rientra in classifica generale che adesso lo vede in tredicesima posizione a 2’51” dalla Maglia Rosa che resta sulle spalle dello spagnolo della Trek Juan Pedro Lopez.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: