Giro d’Italia 🇮🇹 (2.UWT), Stage 15: Tao Geoghegan Hart vince a Piancavallo. Wilko Kelderman guadagna su tutti ed è il primo rivale di Joao Almeida. Vincenzo Nibali si stacca e limita i danni.

Il Team Sunweb fa la differenza e manda in crisi diversi big ma a Piancavallo vince Geoghegan Hart.

Sul traguardo di Piancavallo a vincere è Tao Geoghegan Hart 🇬🇧 che regala al suo INEOS Grenadiers la quarta vittoria di questa edizione del Giro d’Italia 🇮🇹 (2.UWT).

Fuga di giornata composta da Andrea Vendrame 🇮🇹 (AG2R La Mondiale), Luca Chirico 🇮🇹 (Androni Giocattoli – Sidermec), Manuele Boaro 🇮🇹 (Astana Pro Team), Mark Padun 🇺🇦 (Team Bahrain – McLaren), Nathan Haas 🇦🇺 (Cofidis, Solutions Crédits), Daniel Navarro 🇪🇸 (Israel Start – Up Nation), Thomas De Gendt 🇧🇪 e Matthew Holmes 🇬🇧 (Lotto – Soudal), Davide Villella 🇮🇹 (Movistar Team), Rohan Dennis 🇦🇺 (INEOS Grenadiers), Giovanni Visconti 🇮🇹Edoardo Zardini 🇮🇹 (Vini Zabù – Brado – KTM).

Dal gruppo fuoriesce la Maglia Blu del leader della classifica degli scalatori Ruben Guerreiro 🇵🇹 (EF Pro Cycling) seguito da Giovanni Carboni 🇮🇹 (Bardiani CSF – Faizanè) e Sergio Samitier 🇪🇸 (Movistar Team)  ma l’azione del portoghese non è delle migliori e molto presto viene ripreso dal gruppo.

Il plotone è tirato dagli uomini di Domenico Pozzovivo 🇮🇹 (NTT Pro Cycling) che via via riprende  buona parte della fuga.

In testa alla corsa troviamo da solo Dennis seguito a distanza dalla coppia Samitier e Visconti, con l’azzurro che a fine giornata indosserà la maglia del leader della classifica degli scalatori.

Il gruppo inizia la salita con la trenata di Sam Oomen 🇳🇱, Chris Hamilton 🇦🇺 e Jai Hindley 🇦🇺 mandano in crisi Brandon McNulty 🇺🇸 (UAE Team Emirates); molto presto alzano bandiera bianca anche Jakob Fuglsang 🇩🇰 e Vincenzo Nibali 🇮🇹.

Si stacca anche la maglia rosa Joao Almeida 🇵🇹 (Deceuninck – Quick Step) che tuttavia riesce a mantenere un contatto visivo con la testa della corsa composta da Hindley, Wilko Kelderman 🇳🇱 e Geoghegan Hart.

Il britannico si mette in testa negli ultimi 500 metri e lancia la volata staccando Kelderman e Hindley; Almeida taglia il traguardo con 37″ di ritardo ma riesce a tenere stretta la maglia rosa per soli 15″.

In classifica generale Nibali che scivola al settimo posto con un ritardo di 3’29” mentre Fuglsang esce dalla top10 e accusa un ritardo di 5’07”.

Domani seconda giornata di riposo prima dell’ultima settimana che si preannuncia spettacolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: