Giro d’Italia (2.UWT), Stage 4: Avola – Etna Nicolosi (Rif. Sapienza)

Rifugio Sapienza

172 km e 3200 metri di dislivello sono numeri importanti per il primo arrivo in salita a Rifugio Sapienza. Primo test per i big

Planimetria Stage 4

Dopo le prime tre tappe in Ungheria, e il meritato giorno di riposo, il Giro d’Italia (2.UWT) torna finalmente nella penisola sbarcando letteralmente in Sicilia dove si terranno le prossime due frazioni. Si inizia oggi con il primo arrivo in salita di questa edizione della “Corsa Rosa” in cima all’EtnaRifugio Sapienza.

Si parte da Avola e il disegno dei primi 50 km favoriranno le azioni da lontano per cercare di formare l’azione giusta per cercare di anticipare il gruppo a Rifugio Sapienza. Il gruppo passerà da Noto, da San Corrado di FuoriPalazzolo Acreide prima di scendere verso Scordia; questa seconda parte di frazione è caratterizzata da un tratto in pianura di circa 50 km prima di arrivare al primo traguardo volante posto a Paternò.

La strada inizia a salire fino ad arrivare a Biancavilla per il secondo traguardo volante da dove inizia la salita finale di 22,8 km al 5,9% con il tratto più difficile tra Strada Milia e il Bivio per l’Osservatorio dove si tocca la pendenza massima del 14%. Ultimi 3000 metri su strada larga e ben pavimentata che si snoda per ampi tornanti prevalentemente su colate laviche; una lievissima contropendenza ai 500 m precede la svolta a U ai 250 m dove la strada riprende a salire sulla retta di arrivo di 200 m (salita al 3%) al termine della quale è posto il traguardo.

Una frazione in cui la classifica generale subirà sicuramente uno scossone; si riparte con Mathieu Van der Poel (Alpecin – Fenix) che tenterà di stringere i denti per restare con i migliori. Le previsioni meteo prevedono cielo sereno e poco nuvoloso con una minima in quota di 6°.

 

MATERIALE TECNICO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: