Strade Bianche 🇮🇹 (1.UWT), One Day Race: Siena – Siena

Strade Bianche 2019 - 13th Edition - Siena - Siena 184 km - 09/03/2019 - Wout Van Aert (BEL - Team Jumbo - Visma) - Alexey Lutsenko (KAZ - Astana Pro Team) - photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2019

Vittoria italiana che alle Strade Bianche manca dal 2013 quando a Siena trionfò Moreno Moser. 25 team al via e tanti big che si contenderanno la vittoria finale

 

 

Edizione record quella 2021 delle Strade Bianche 🇮🇹 (1.UWT) che anche quest’anno si svolgerà sul classico percorso che ormai da anni infiamma il pubblico del grande ciclismo; “la Classica del Nord più a Sud d’Europa” quest’anno vedrà al via ben 25 team.

STARTLIST. Presenti quasi tutti i grandi del ciclismo a partire dal campione uscente e indiscusso protagonista delle ultime tre edizioni Wout van Aert 🇧🇪 (Team Jumbo – Visma), il campione di olimpico di Rio Greg Van Avermaet 🇧🇪 (AG2R Citroën Team), il grande rivale Mathieu Van der Poel 🇳🇱 (Alpecin – Fenix), Jakob Fuglsang 🇩🇰 (Astana – Premier Tech), Pello Bilbao 🇪🇸 e Matej Mohoric 🇸🇮 (Bahrain – Victorious), il campione del mondo Julian Alaphilippe 🇫🇷 coadiuvato dal vincitore dell’edizione 2015 Zdenek Stybar 🇨🇿 e dal giovane Joao Almeida 🇵🇹 (Deceuninck – Quick Step), Alberto Bettiol 🇮🇹 (EF Education – Nippo), Thomas Pidcock 🇬🇧, Egan Bernal 🇨🇴 e Michal Kwiatkowski 🇵🇱 (INEOS Grenadiers), Tim Wellens 🇧🇪 (Lotto – Soudal), l’intramontabile Alejandro Valverde 🇪🇸 (Movistar Team), Simon Yates 🇬🇧 (Team BikeExchange), Romain Bardet 🇫🇷 (Team DSM), Gianluca Brambilla 🇮🇹 (Trek – Segafredo) e la coppia UAE Team Emirates Tadej Pogacar 🇸🇮 Davide Formolo 🇮🇹.

I PRIMI SETTORI. Partenza da Siena precisamente da Fortezza Medicea e arrivo a Piazza del Campo dopo 184 km di corsa, 11 settori di sterrato per un totale di 63 km, pari al 34% del totale; dopo 18 km dal via subito i primi due settori rispettivamente di 2100 metri e 5800 metri con quest’ultimo che presenta qualche punto con pendenza già al 10%. Terzo e quarto settore, quello di Radi (4400 metri) e “La Piana” (5500 metri) precedono la salita che porta a Montalcino (4000 metri la 5%); inizia qui un lungo tratto di strada biancapoco fuori Torrenieri, il quinto e sesto settore, divisi tra loro da 1000 metri in asfalto, per un totale di 19,9 km impegnativi con continui saliscendi. Il settimo settore è quello di San Martino in Grania di 9500 metri caratterizzato nel suo finale da ampi curvoni.

MOMENTO CHIAVE DELLA CORSA. Gli ultimi 50 km di corsa sono quelli più impegnativi e che si prestano a continui attacchi da parte dei big; a Ponte Garbo inizia il tratto in assoluto più impegnativo di 11500 metri che porta a Monte Sante Marie che presenta tratti in cui le pendenze superano ampiamente il 10%. A seguire il tratto di Monteaperti (900 metri), quello di Colle Pinzuto (pendenza massima del 15%) e infine l’undicesimo sterrato che porta a Le Tolfe (pendenza massima del 18%).

ULTIMI 12 KM. Da Le Tolfe all’arrivo mancano esattamente 12 km, senza un metro di pianura, che culminano con lo strappo finale; a meno di 2 km si passa da Via Esterna di Fontebranda dove la strada inizia leggermente a salire fino alla Porta di Fontebranda dove inizia il vero e proprio strappo di Via Santa Caterina (500 metri al 12,4%) prima del finale a Piazza del Campo in discesa.

 

MATERIALE TECNICO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: